iRobot Roomba 880 – Robot Aspirapolvere

Il Robot per pavimenti Roomba 880 è stato ideato per chi ha poco tempo a disposizione o semplicemente, non ha alcuna voglia di pulire i pavimenti di casa.

Con l’ultimo modello, la casa americana iRobot ha migliorato le performance del suo famoso robot e ora, se non avete problemi di budget, sapete quale Roomba comprare.

I miglioramenti riguardano quasi tutte le funzionalità:Il nuovo sistema di pulizia AeroForce è migliorato e ora aspira il 50% in più di sporcizia, polvere e capelli rispetto ai modelli precedenti. I pulsanti per controllarlo sono semplici ed è subito pronto all’uso.

Ora finalmente non è più necessario pulire la parte inferiore del robot, quella a contatto col pavimento. Ciò perché gli estrattori rotanti di raccolta dello sporco non hanno le solite spazzole, quelle che dovevamo ripulire ogni tanto.Il contenitore per la sporcizia ha una capacità di circa il 60% superiore rispetto alla serie 700.

Il telecomando è leggero e i pulsanti sono facili da capire. La stazione base, ovvero il caricabatteria, è sorprendentemente piccola. Tuttavia, va posizionata in una zona priva di ostacoli, altrimenti il robot potrebbe avere qualche problema a tornarci per suo conto. Inclusi nella confezione ci sono anche i muri virtuali utili per dire al Roomba dove non pulire e in quali stanze non entrare.

Le dimensioni sono rimaste uguali ed è quindi abbastanza piccolo da riuscire a passare attraverso i piedi delle sedie.

Acquistare un Roomba 880 potrebbe essere la giusta scelta a cui affidare le noiosissime faccende domestiche. Secondo iRobot la serie 800 raccoglie ancora più sporco, dura più a lungo e richiede meno manutenzione. Un gran passo in avanti, ma il Roomba pulisce i pavimenti effettivamente meglio di un essere umano? La precedente serie 700, se utilizzata appropriatamente, già lo faceva.

Negli 800 iRobot non ha aggiornato l’intelligenza artificiale a sostegno della navigazione. Naturalmente si muove facilmente nelle case dalle forme regolari. In teoria è anche dotato di un sistema per evitare ostacoli come cavi e piccoli tappeti.

In pratica, nei test ha avuto qualche problemino e a volte ha faticato per superarli. Impostarlo è davvero facile. È praticamente pronto appena fuori dalla confezione.

Basta aprire la scatola, estrarre un paio di piccole linguette di plastica, caricare le batterie ed è pronto per l’uso. Il grande pulsante sulla parte superiore è impossibile da non vedere, e anche senza le istruzioni per l’uso, scommetto che saremmo tutti capaci di farlo funzionare.

iRobot ci consiglia di posizionare la base in uno spazio aperto e possibilmente sgombro. Solo cosi l’880 sarà capace, dopo aver terminato il lavoro, di tornare alla base da solo per potersi ricaricare.

Bisogna perciò avere una casa arredata in un certo modo e dotata di uno spazio abbastanza grande da permettere al Roomba di muoversi senza incappare continuamente in tavolini e sedie. Roomba ha qualche limite di navigazione negli spazi più stretti.Ci sono anche altri incovenienti.

Ad esempio, è programmato per riuscire a divincolarsi da fili, cavi e spine ma durante il test non è riuscito a liberarsi da un cavo penzolante da una presa in un angolo della stanza.

Dopo qualche minuto di inutili tentativi, solo l’intervento umano ha risolto l’impasse. Altra situazione critica possono essere i giocattoli non abbastanza pesanti da impedire al robot di tentare di risucchiarli. Anche in questa evenienza bisogna intervenire e aiutarlo.

Nonostante le difficoltà di navigazione, l’aspirazione AeroForce funziona come promesso. Il robot salta solo pochi spazi (sempre nelle vicinanze di un tappeto) ma automatizza con ottimi risultati il lavoro di pulizia dei pavimenti.

È una colf i cui servizi ripagano abbondantemente l’iniziale prezzo di acquisto.

Il Roomba 880 è più indicato nelle case con spazi ampi e aperti. In quelle più piccole è utile adattare l’arredamento per lasciare un adeguato spazio dove posizionare la base di ritorno. Aiuta molto raccogliere gli oggetti a terra prima di utilizzarlo e mettere le sedie sui tavoli. In altre parole, è necessario accettare dei compromessi.

Il robot che possa sostituirci completamente nei noiosi compiti di manutenzione della casa è ancora una fantasia, ma l’880 è in grado di occuparsi autonomamente della pulizia dei pavimenti.

Anche se con il contributo di un piccolo aiuto da parte vostra.

Vale la pena comperarlo? Dipende dalla casa cui vivete e da quanto siete disponibili ad accettare in famiglia la nuova signora delle pulizie.

Cosa c’è di buono? È molto meglio dei Roomba precedenti. Ha pochi, quattro o cinque, concorrenti.

Cosa non va bene? É ancora rumoroso, ha problemi se ci sono troppi ostacoli per casa, vuole uno spazio aperto per la stazione di base.In conclusione, Roomba 880 rende sicuramente più semplici le pulizie, ma funziona molto meglio in alcune case piuttosto che in altre.

Ciò non vuol dire che non sia un prodotto di qualità. Intendiamoci, stiamo parlando di iRobot, diventata popolare da molti anni proprio per aver sempre soddisfatto i suoi – numerosi – clienti.